Come far splendere il sole anche di notte. Test sul campo per il nuovo Sunny Boy Storage

Heinrich Eurich racconta le sue prime esperienze con il sistema di accumulo composto da Sunny Boy Storage e Tesla Powerwall. Il collaboratore SMA è stato uno dei primi a cui è stato installato il nuovo sistema di accumulo nel quadro dei test sul campo di Sunny Boy Storage.

 

“Dannazione, devo pagare un altro conguaglio!”: era questa la mia reazione tipica quando ricevevo il conteggio annuale dell’azienda elettrica. Al che mio figlio mi chiedeva: “Ma papà… noi produciamo corrente a sufficienza sul tetto! Perché dobbiamo continuare a comprarne ancora ogni anno?”. “È semplice: perché di notte non splende il sole”, gli spiegavo.

Ma da un certo punto di vista era proprio questo che mi dava fastidio. In fondo, con una potenza di picco di 15,6 kW, il mio impianto fotovoltaico produce fin troppa elettricità… Solo che non lo fa sempre al momento giusto.

Specialmente la sera, quando siamo finalmente a casa tutti e quattro dopo una giornata di lavoro, consumiamo un sacco corrente. In questo momento della giornata i tipici carichi sono televisore, piano cottura a induzione, bollitore, computer, boiler per l’acqua calda e riscaldamento. Acqua calda? Riscaldamento? Sì, esatto! Non ci servono né gas né gasolio: produciamo autonomamente il nostro fabbisogno energetico e lo consumiamo alimentando una pompa di calore aria-acqua.

Per questo fin da quando abbiamo costruito la casa, nel 2011, mi sono dedicato alla ricerca della soluzione di accumulo più adatta. Purtroppo, finora era stato impossibile realizzarla per questioni di convenienza economica e di spazio (la nostra casa non ha la cantina).

 

Poco ingombro e grande efficacia

Ma poi sono arrivati il piccolo Sunny Boy Storage bianco e la stupenda batteria piatta! È bastato fissare Tesla Powerwall alla parete, posizionare a lato il piccolo Sunny Boy Storage e nascondere il cablaggio fra i due con una semplice canalina: il sistema era già pronto! Questo gioiellino non ruba praticamente alcuno spazio in garage. Proprio come avevo sempre sperato!

 

Conclusioni dopo 40 giorni di funzionamento da aprile a maggio

Il prelievo di elettricità dalla rete è di circa 5 euro al mese. Sotto questo profilo possiamo di certo ancora ottimizzare qualcosa, ma prima questo costo era di 100 euro al mese (su base annua).

Naturalmente questo bilancio sarà un po’ meno roseo in autunno e in inverno, ma considerando che mediamente la resa ottenuta da inizio marzo a fine settembre è molto buona, ci sono buone probabilità di ridurre la nostra bolletta elettrica di almeno la metà. Non vediamo l’ora di vedere il nostro conguaglio annuale!

“Ora con quello che risparmieremo ci scappa di certo una PlayStation!”, hanno detto i miei ragazzi, sempre svelti a sfruttare queste occasioni. Io propenderei piuttosto per qualche giorno di vacanza con la famiglia. Staremo a vedere chi la spunterà.

 

Trovate maggiori informazioni su Sunny Boy Storage sulla relativa pagina del prodotto.

 

Come far splendere il sole anche di notte. Test sul campo per il nuovo Sunny Boy Storage
Rate this post

Tags: ,
0 Commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>